Proviamo un nuovo E-Tran - Noi e la SLA...

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Proviamo un nuovo E-Tran

Suggerimenti
Proviamo un nuovo E-Tran..!


Fra gli ausili che maggiormente vengono utilizzati troviamo il pannello trasparente per la comunicazione, ossia l'E-tran.
L'obiettivo di questo nuovo E-Tran è quello di ridurre al minimo i tempi e le possibili confusioni che inevitabilmente nascono durante la comunicazione. Gli errori sono estremamente ridotti e la comunicazione è resa più fluida e meno affaticante per il malato.
Il pannello, per l'utilizzo domestico, è il solito foglio di plastica trasparente da 2 mm di spessore e di 50 x 50 cm di lato: ne potete vedere un esemplare in figura 1.
La stampa delle lettere e dei dischi colorati è fattibile con una normale stampante a getto d'inchiostro su fogli trasparenti autoadesivi.
La differenza fondamentale, rispetto a quello tradizionale, è l'uso dei colori che identificano in modo univoco le lettere dell'alfabeto.



Figura 1

Già dalla visione della figura è facile percepire la logica che ne informa l'utilizzo: le lettere colorate, disposte in ordine alfabetico, sono racchiuse in quattro riquadri che a loro volta sono contenuti in un riquadro principale. Agli angoli del riquadro principale sono collocati quattro dischi colorati, un ulteriore disco (nero) è posto al centro in alto. Ogni lettera contenuta nei quattro riquadri è di colore diverso e si rifà ai colori dei dischi del riquadro principale (unica eccezione la Z !).


Nel prototipo realizzato sono stati fatti i seguenti abbinamenti:
Disco
Rosso: A, F, R, M.
Disco
Verde: B, G, S, N.
Disco
Blu: C, H, T, O.
Disco
Arancione: D, I, U, P.
Disco Nero : E, L, V, Qu.
Eccezione la lettera
Z fuori riquadro: inoltre è stata già aggiunta la "u" alla "Q", considerando che l'unica parola che prevede un'altra lettera è "Soqquadro" !
Ovviamente le disposizioni ed i colori proposti sono solo indicativi e possono essere modificati a piacimento.
L'uso dell'E-Tran è intuitivo e molto semplice: l'utilizzatore indica con lo sguardo il riquadro in cui è contenuta la lettera voluta e quindi indica il disco colorato a cui fa riferimento  detta lettera che il lettore individuerà inequivocabilmente …e così di seguito per tutte le altre lettera della parola.
Come si può rilevare i movimenti degli occhi dell'utilizzatore sono molto semplici e comportano minori escursioni e difficoltà di ricerca della lettera in quanto è sufficiente indicare il riquadro in cui è contenuta.
Dopo pochi esercizi l'associazione delle lettere ai riquadri ed ai colori diventa automatica e la ricerca praticamente istantanea anche in considerazione della logica di posizionamento delle lettere colorate nei riquadri.

Nota: aspetto riscontri e suggerimenti dai visitatori. Grazie.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu